l'arte del giardino, l'arte nel giardino

 

EMANUELE DE REGGI

Scultore

www.emanueledereggi.it

 

Foto dell'edizione 2019

 

LA SCELTA DELL’ARTISTA
La statua.

Le ragioni per cui ho fatto tante statue e ancora non ho chiuso l’argomento, sono poche.
Sento la materia e la mia vita legate insieme da quando son nato.
Il fascino per le pene e le gioie della umanità e di tutti gli esseri che ho potuto conoscere….ha dato ispirazione all’ opera.
Certo essere nato a Firenze, con il Davide che da piccolo sembrava ancor piu’ gigante…ha fatto la sua parte!
Tutte quelle espressioni dell’ uomo e della sua vita, “fermate” per le strade che io mi trovavo a scoprire… mi sembravano “parlare” in una lingua silenziosa.
Questa immobilita’ che mette in moto il pensiero mi ha catturaro presto.

Poi mio Nonno Emanuele che dipingeva religiosamente composizioni e le sue cromíe tutti i giorni, e attenzione, non mi sono mai domandato – perché ? – ho semplicemente creduto che il perché c’era, ma non lo conoscevo ancora.

Adesso che sono passati cinquant’anni di questi misteri, fare una statua mi viene facile e quell giardino dove Savinio sentiva a un tratto sussurrare le figure di marmo, ha dato forte senso alla Vita.

La pittura.
Ho visto dipingere fin dai primi anni della mia vita.
Il silenzio della pittura… è proporzionale al salto che il suo concetto impone. L’elaborazione mentale è forte mentre dipingo, la mano che tiene il pennello sembra staccata dal braccio. Mischiare il colore invece è un atto totalmente mosso dai sensi.

Nato nel 1957 a Firenze, studia al liceo classico. Vive a stretto contatto con suo nonno, il pittore Emanuele Cavalli.
Dal 1976 al 1980 compie una serie di lunghi viaggi in centro e nord America, estremo Oriente, Australia e India.
Nel 1981 frequenta la Scuola libera del nudo a Firenze.Torna in Australia dove si ferma per tre anni e inizia a scolpire, creando grandi figure in legno.
Dal 1984 al 1987 è a Pietrasanta dove impara il mestiere lavorando con Giulio Ciniglia.
Dal 1988 al 1989 è a New York dove collabora con scenografi e designer.
Nel 1989 è a Barcellona e l'anno successivo si stabilisce a Pietrasanta dove crea il suo studio.
Nel 1992 collabora con Erling Laberg al restauro della Fontana della Transumanza, Avellino
Nel 1994 collabora con l' architetto Lorenzo Berni alla realizzazione della nuova sede della Andersen Consulting nel palazzo della ex Montecatini a Milano disegnato da Giò Ponti. Esegue per la hall principale un gruppo di tre grandi sculture.
Nel 1995 collabora nuovamente con Didier Legrand al restauro della “Pietra delle Febbri”, Le Puy en Velay, France.
Nel 1996 collabora con Jesus Moctezuma, per l’editoriale Domus, ad un progetto sperimentale di package design. Lo stesso anno parte per un lungo viaggio che lo porterà intorno al mondo. Si fermerà su una piccola Isola delle Fijii dove farà ritorno varie volte.
Nel 1997 La Camera dei Deputati acquista una sua scultura da lui esposta alla XII Quadriennale di Roma.
Nel 1999 vince il Concorso di idee per realizzare una fontana nella piazza di Ostellato (FE), progettata dall’architetto Cervellati.
Nel 2001 vince il concorso Nazionale di Scultura “50° Anniversario per l’Alluvione in Polesine”, un idea monumentale per una piazza di Rovigo.
Nel 2004 viene commissionata una scultura Monumentale per una piazza di Newport News, Virginia, U.S.A.
Nel 2006 viaggia a lungo nell’America del Sud e più tardi visita La Nuova Caledonia.
Nel 2007 ritorna in India e In Thailandia, dove fonde grandi opere in bronzo. Una di queste viene commissionata dalla città di Newport News, Virginia, per la piazza della biblioteca comunale.
Nel 2009 continua a collaborare a progetti con l’architetto Lorenzo Berni a Milano.
Nel 2010 l’Università di Newport News, Virginia, acquista un suo bronzo monumentale “Francesco” che verrà utilizzato poi per una nuova piazza nel campus.
Al momento vive e lavora principalmente tra Bangkok e Pietrasanta, dove ha la sua casa-studio.

 

 

Associazione Culturale UTINAM
Via Mazzini, 10 - 55042 Forte dei Marmi (LU)